Guida rapida alle sigarette elettroniche

0 Flares 0 Flares ×

In molti la utilizzano, tutti ne parlano ma in effetti nessuno quasi nessuno sa in modo preciso che cos’è la sigaretta elettronica, grande protagonista del XIX secolo.

I dati emanati dalla Camera di Commercio di diverse città italiane, parlano chiaro, sono infatti innumerevoli i negozi di e-cigarettes che si sono aperti in pochissimo tempo su tutto il territorio nazionale e a quanto pare, stanno facendo affari strabilianti.

La sigaretta elettronica infatti, sembra abbia incontrato il riscontro di molti fumatori che dopo averla provata, attraverso una sorta di passaparola, hanno invogliato anche altri consumatori di sigarette, a provare questo innovativo prodotto che sembra apportare molti benefici sia sulla salute che sul portafoglio dei fumatori, pur ovviamente non essendo paragonabili a quelli dello smettere di fumare definitivamente.

Com’è composta la sigaretta elettronica.

La sigaretta elettronica è formata da un atomizzatore, un inalatore ed una batteria, nell’atomizzatore viene inserito un liquido che può essere formato da nicotina ma anche da soli aromi naturali.

Mentre la nicotina ha un certo grado di nocività, ci sono prodotti del tutto innocui come il glicolpropilenico, la glicerina e l’acqua che possono comunque essere introdotti nella nicotina liquida, quest’ultima inoltre, viene venduta sotto diverse gradazioni che il fumatore, potrà tranquillamente scegliere.

Naturalmente la nicotina ha la sua pericolosità ma i danni apportati all’organismo, sono sicuramente minori rispetto al catrame e agli agenti ossidanti causati dalla combustione.

Diversi pneumologi di vari istituti ospedalieri italiani, hanno confermato che gli ingredienti che il fumatore andrà ad inalare, sono molto meno dannosi di quelli contenuti nella sigaretta tradizionale sebbene, la nicotina liquida abbia la sua tossicità.

La batteria della sigaretta elettronica

La batteria della sigaretta elettronica, è solitamente formata da ioni litioricaricabili ed ha una durata massima di 300 cicli di ricarica, yn sensore meccanico, all’interno della batteria, permette di agire come interruttore e fornisce energia al vaporizzatore ogni qualvolta il fumatore inala una boccata di nicotina.

Le versioni della sigaretta elettronica in commercio sono diverse infatti, alcune sigarette sono provviste di un piccolo tasto che mette in moto il processo mentre altre lo fanno automaticamente e solo nel momento in cui viene effettuato il tiro.

In commercio esistono batterie con un maggiore voltaggio che danno modo al fumatore, di sentirsi più appagato dato che il vaporizzatore, produce un fumo più denso e concentrato.

La sigaretta elettronica rappresenta un cambiamento di vita

Il fumo elettronico sebbene non sia stato ancora sperimentato a fondo nel campo medico scientifico, sembrerebbe apportare un notevole miglioramento nella vita dei fumatori, innanzitutto, rimuovendo la combustione che avviene nella sigaretta tradizionale, i danni all’organismo, risultano estremamente minori e quella “nebbia” aromatica che nasce dall’inalazione delle sigarette ed esce sotto forma di vapore, sta ottenendo sempre più un successo inaspettato.

Secondo le testimonianze di chi usa già da tempo la sigaretta elettronica, nel corso dei mesi, si avverte molto meglio, il senso del gusto e dell’olfatto e c’è una forte riduzione delle malattie catarrali e della respirazione.

Da dove arriva la sigaretta elettronica

Inventata in Cina già nel 2006, la sigaretta elettronica ha spopolato nel 2008 negli Stati uniti dove moltissimi fumatori, hanno adottato questo mezzo innovativo perché la sigaretta invece di produrre fumo nocivo per chi aspira e per le persone che ci circondano, emana vapore innocuo, anche in Italia l’uso della sigaretta elettronica, si sta diffondendo a macchia d’olio proprio perché sembra che possa limitare i danni all’organismo senza contare il notevole risparmio economico.

In più con questo innovativo prodotto, è permesso fumare anche nei luoghi pubblici grazie proprio al vapore che la sigaretta elettronica produce che è inodore.

Dove acquistare la sigaretta elettronica

Non tutte le società hanno il brevetto per poter produrre la sigaretta elettronica e fornire agli acquirenti, un valido prodotto che non arrechi danni, in Italia però, esistono alcune aziende produttrici di sigarette elettroniche, in regola e che vendono il prodotto anche sul web in modo semplice e pratico.

Tali aziende, vendono le e-cigarettes in maniera limpida e soprattutto provviste di certificazione delle norme di buona fabbricazione.

Le cartucce ed i liquidi, sono perfettamente curati e costruiti con materiale plastico ipoallergenico e realizzati con grande cura e con forme diverse, adattabili alle esigenze dei consumatori.

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *